lunedì 7 agosto 2017

Guardia Imperiale Domestici Pedites 360 A.D. epoca di Costanzo II°






































Dal momento in cui i Pretoriani sono sono stati sciolti dall'imperatore Costantino, il loro compito di guardia imperiale e truppe scelte è stato preso da nuove unità militari come le Schole Protectores Domestici, dai cui ranghi generalmente uscivano  i nuovi comandanti.
Il soldato raffigurato indossa una tunica rossa, colore che da sempre contraddistingue l'aspetto formale dei militari, il suo scudo con la ricercata simbologia solare ha colori che vengono ripresi nell'asta della lancia che impugna.
Una estesa e classica lorica di scaglia lo caratterizza assieme al casco del tipo romano-sassanide più semplice ma ricoperto di argento dorato e dotato di una cresta centrale a forma di cimiero, tali creste potevano essere di piume ( bianche o gialle ) e quella metallica, probabilmente, indicava un ufficiale inferiore.
Non indossa braghe ma particolari calzari sopra calze di tessuto.
Cinturone militare e fodero della spada sono del qualificante color porpora ( generalmente sono rossi ) e l'elsa è un ricco modello in avorio.



















In questo mosaico possiamo vedere rappresentate due guardie Palatine con la tunica rossa, l'estesa lorica di scaglie e gli elmi crestati, uno in ferro e l'altro dorato.



















Ecco un reperto archeologico del classico elmo romano-sassanide nella versione con cresta di metallo.
Nelle raffigurazioni giunte a noi, tale cresta è sempre rappresentata a raggiungere la fine posteriore del coppo rastremandosi completamente e nell'esemplare, il pezzetto posteriore potrebbe essere andato perso.


























Ecco la ricostruzione di un esemplare di elmo simile al precedente, le decorazioni oltre al paio di occhi frontali (quasi sempre presenti) sono costituite da croci non cristiane e mezzelune.




























Ecco il modello di spada lunga del IV° secolo con l'elsa in avorio intagliato.

Nessun commento:

Posta un commento