martedì 25 luglio 2017

Tetrarca 300 A.D. epoca di Diocleziano






































Con l'avvento al potere di Diocleziano si inaugura un nuovo assetto politico nell'impero : la Tetrarchia. L'impero viene diviso in quattro parti : Occidente ed Oriente e queste a loro volta in altre due zone. Un imperatore (Augusto) ed il suo collaboratore ed erede (Cesare) amministrano rispettivamente le due unità di una delle due parti dell'impero.
Molte statue raffigurano i Tetrarchi sempre nell'atteggiamento di un abbraccio solidale.
In queste immagini, a parte la corazza muscolare puramente simbolica, il resto dell'abbigliamento è coerente con l'epoca.
La figura rappresentata indossa un copricapo che diviene un simbolo dell'appartenenza militare, poteva essere sia di stoffa o feltro che di pelliccia e pare ne sia stato reso obbligatorio l'uso da parte di tutti i militari.
La corazza è quella classica semi-rigida a scaglie cucite anche inferiormente, qui in una versione a scaglie dorate ed argentate alternate per un particolare effetto decorativo. E' indossata sopra un subarmalis bianco.
La corazza muscolare di cuoio così diffusa nei film storici probabilmente non è mai esistita ..!
Quella in bronzo certamente si, ma la sua costante raffigurazione in ogni epoca nei monumenti (assieme a tanti altri particolari incongruenti come i piedi nudi, gli elmi attici o dai paragunace rimpiccioliti per permettere la visione del volto o gli scudi rimpiccioliti) è da considerarsi come una licenza artistica volta ad enfatizzare l'aspetto mitico, classico e senza tempo dei militari romani.
Cintura e fodero della spada sono riccamente decorati da pietre colorate semipreziose , l'elsa della spada è quella caratteristica a testa di aquila.
In mano il Tetrarca ha un elmo ricoperto di argento dorato e riccamente decorato con pietre semi- preziose, le due frontali ripetono l'apparenza degli occhi, che in maniera più grossolana sono rappresentate spesso anche negli elmi della truppa.
La base di costruzione di tale elmo è quella adottata dalle nuove grandi  Fabbriche di armi ed è la stessa di un semplice cavaliere..solo l'aggiunta delle dorature e delle pietre lo rende diverso e prezioso.
Sono lontani i tempi e le abilità artigianali degli artistici bassorilievi degli elmi dei personaggi importanti.
I colori di tunica e pantaloni sono il porpora ed il bianco rappresentativi dello status di potere.

















Nelle statue che raffigurano i Tetrarchi a Venezia sono ben visibili il copricapo militare, Le cinture e foderi decorati, le else a forma di aquila, ed i subarmalis a più strati.














Ecco il particolare delle cinture e delle else.

















In questo mosaico è ben visibile il copricapo militare : il Pileus Pannonicus , i mantelli fermati sulla spalla destra da un ampio fermaglio e le tuniche bianche con i decori applicati.






































Questo mosaico appartenente alla cosiddetta "Grande Caccia" di Villa Romana del Casale a Piazza Armerina, rappresenta probabilmente il Tetrarca Massenzio in abbigliamento da comandante militare mentre si appoggia al bastone che nel tempo ha sostituito quello di vite, corto e nodoso, degli antichi centurioni.






































Ritrovato in ottimo stato quello che è il più articolato costruttivamente e riccamente decorato elmo di comandante romano. La particolare cresta sorretta da una doppia fila di colonnette compare nelle raffigurazioni degli elmi di Costantino e altri imperatori nelle tante monete ritrovate.
Questo esemplare riassume in se diverse caratteristiche come le rivettature a forma di perla e le pietre semi-preziose che da sole, assieme alla ricopertura in argento dorato, caratterizzano altri elmi simili ponendolo ad un livello superiore, cioè ad un elmo da imperatore o comandante in capo e non certo da semplice ufficiale di cavalleria, come ingenuamente rappresentato da molto ricostruttori storici.

Nessun commento:

Posta un commento